Il primo impatto che la marca ha con il consumatore deve già lasciare delle tracce, deve portare con sé uno stimolo: il nome o brand naming ha il compito di delineare il punto di partenza del percorso comunicativo da far intraprendere al consumatore.

Un nuovo nome, o brand naming di un’azienda, di un prodotto, di un servizio, di un progetto, deve però rispettare specifici criteri per poter essere efficace:

  • un nome o brand naming efficace deve poter essere registrato e tutelato da copyright.
  • un nome efficace deve avere disponibilità di dominio nel web.
  • un nome efficace deve essere tutelabile.
  • un nome efficace deve essere di facile memorizzazione.
  • un nome efficace deve permettere di costruire una storia intorno ad esso, lo story telling.
  • un nome efficace deve essere orientato al futuro.
  • un nome efficace deve funzionare nei propri mercati di riferimento, locali, nazionali ed internazionali.
  • un nome efficace deve essere orientato all’identità della azienda e dei suoi prodotti.
  • un nome efficace deve guardare ai bisogni e alle esigenze dei potenziali consumatori.
  • un nome efficace deve conservare le sue potenzialità nel tempo e poter crescere insieme all’azienda, la scalabilità.

La creazione del nome o brand naming prende in considerazione diversi concetti e punti di vista per offrire soluzioni diversificate in base all’esigenza richiesta; ogni nome scelto rappresenta un’ immagine ben definita, che racchiude in sé, una storia, un destino, un senso.

L’immagine di marca non è il logo, i colori aziendali, il packaging, ma è l’insieme delle impressioni che si sommano nel consumatore, è ciò che il pubblico pensa di quella marca e dell’azienda: è un giudizio, ricavato dalle esperienze e dalla comunicazione aziendale, è il punto d’arrivo nel percorso di senso che l’azienda dovrebbe far percorrere alla propria clientela.